CAMPAGNA LUPIA VENEZIA

Clear sky20°C

Trascorri la festa del...
Trascorrete due notti immersi...
Hai mai avuto l’occasione di...

Book Online


Best Rates Guaranteed

Eventi vicini

Oct 17 Monday
La presenza del popolo ebraico a Venezia risale ad un epoca non precisa nella storia, ma lo è da...
Apr 01 Wednesday
I tesori nascosti del doge - dal 1 aprile 2015 È giunto a compimento il restauro conservativo...
Mar 21 Saturday
Il Museo Provinciale di Torcello, situato nell'omonima isola della Laguna Nord, ospita una...
Jan 08 Wednesday
Il Museo conserva le testimonianze archeologiche di Adria, unico centro urbano antico della...

Le chiese di Venezia

A Venezia ci sono una varietà di 250 chiese tra consacrate e non, molto caratteristiche in quanto ornate da colorati dipinti e maestose sculture. Grazie ai numerosi palazzi, ponti, canali, barche, bar, ristoranti, piazze e calli, Venezia è una città capace di attrarre turisti provenienti da tutti gli angoli del mondo, differenti per cultura, lingua e religione, ma tutti ugualmente inebriati dalla bellezza unica della città di Venezia.

Le chiese più importanti della città:

La Basilica di San Marco: la leggenda narra che nell’anno 828 due pescatori veneziani, Buono da Malamocco e Rustico da Torcello, riuscirono ad impossessarsi del corpo dell’Evangelista Marco custodito ad Alessandria d’Egitto. Giunti a Venezia con le reliquie, il Santo fu immediatamente proclamato Patrono della città e costruirono la basilica per custodire le sue reliquie. Completamente ricostruita nel XII Secolo, San Marco iniziò ad assumere l’aspetto attuale grazie ai magnifici e preziosissimi mosaici che pian piano furono realizzati sia all’interno che all’esterno. La decorazione a mosaico della Basilica, negli anni a seguire poi diventerà unica al mondo.
I Tesori di San Marco sono innumerevoli all’interno; nel corso degli anni i commercianti, nobili e guerrieri veneziani raccolsero migliaia di tesori così creando all’interno della Basilica una collezione di centinaia di opere di altissimo valore artistico e di inestimabile valore economico.

La Basilica di Santa Maria della Salute, situata a Venezia in località Punta della Dogana, è stata costruita come ringraziamento dei veneziani alla Madonna per averli liberati dalla terribile peste, che colpì Venezia tra il 1630 e il 1631, così dedicandole addirittura una giornata intera ogni anno, infatti oggi il 21 novembre si festeggia la Festa della Madonna della Salute, che insieme a quella del Redentore (terza domenica di luglio) è una delle tradizioni religiose più sentite dai cittadini di Venezia. La Basilica terminata nel 1687 è oggi uno dei migliori esempi del barocco a Venezia.  Al suo interno ospita pregiate opere di Tintoretto e di Tiziano, mentre sull’altare maggiore si possono ammirare statue di Giusto Le Court, scultore fiammingo trasferito a Venezia. Da non perdere negli altari posti sulla destra della Chiesa le bellissime opere di Luca Giordano, un grande pittore napoletano.

Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, eretta nel sestiere di Canareggio e completata nel 1489, è uno dei più bei esempi del Rinascimento a Venezia. A Venezia è conosciuta come lo ‘scrigno’ perché ha una forma semplice ed è completamente ricoperta, sia all’interno che all’esterno, da marmi colorati (si dice che siano quanto rimasto dai lavori della Basilica di San Marco). Sull’altare il dipinto della Vergine col Bambino, e uno splendido organo, che solo pochi e i più fortunati hanno potuto sentire suonare. 
La chiesa è per ricchezza seconda solo a San Marco ed è particolarmente richiesta per i matrimoni perché all’interno vi è una scalinata che conduce al presbiterio il quale, in particolari momenti della giornata, è inondato dalla luce proveniente dalla cupola. Un luogo di Venezia estremamente suggestivo dove stringere il patto d’amore. Di grande impatto è anche il soffitto in legno a cassettoni con le cornici intagliate e dorate. Un particolare che dà ancora più rilievo alla Chiesa, è il lato esterno sinistro della stessa, completamente immerso nel canale.

Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, (chiamata anche Basilica San Zanipòlo) a Campo Santi Giovanni e Paolo nel sestiere del Castello, fu completata nel 1343.
Conosciuta  come il Pantheon di Venezia, chi la visita potrà ammirare monumenti funebri di impressionante bellezza e grandezza (con statue equestri di dimensioni naturali) realizzati in epoche diverse, e perciò un’evoluzione artistica nel corso del tempo.
Bellissima e scenografica la piazza, dominata dalla la statua equestre dedicata a Colleoni.

Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, terminata di costruire nel 1338, ubicata nel Sestiere San Polo, in Campo dei Frari, si erge maestosa come un splendido esempio di gotico veneziano.
La Basilica è protagonista della vita culturale della città grazie al fitto calendario di concerti di musica classica e sinfonica organizzati ogni anno. Dopo San Marco, è uno dei complessi religiosi più importanti della città e rappresenta uno dei principali centri italiani per l’Ordine dei Francescani. All’interno, tra gli altri dipinti l’Assunta di Tiziano e il Trittico dei Frari di Giovanni Bellini, e i monumenti funebri di Canova e Tiziano.

La Chiesa di San Rocco è ubicata in Campo San Rocco, nel Sestiere di San Polo.
Finita di costruire nel 1494, da Bartolomeo Bon ma poi ristrutturata nel 1771, deve molta della sua notorietà al Tintoretto, che a lungo dovette “brigare” per ottenere delle commissioni per abbellire la chiesa. Ai lati dell’organo, le portelle dipinte dal Tintoretto, raffiguranti l’Annunciazione (a sinistra), e San Rocco(destra), oltre a 4 dipinti con scene della vita di San Rocco.

La Basilica di San Giorgio Maggiore, istituita sull’omonima isola, con il suo imponente ingresso che si affaccia direttamente sul bacino di San Marco, rimane un complesso monumentale parzialmente realizzato da Andrea Palladio, lo stesso architetto della Basilica del Santissimo Redentore. Fu completata nel 1610. La chiesa è un imponente edificio che riprende le architetture della Roma Antica, di stile palladiano. All’interno, ancora due opere del Tintoretto: Ebrei nel deserto e l’Ultima Cena. Da non perdere la vista di Venezia dal campanile (con ascensore e a pagamento €5.00).

Chiesa della Madonna dell’Orto, sorge nell’omonimo campo nel Sestiere Canareggio, in passato era legata ad un monastero dell’ordine degli Umiliati che predicavano un ritorno alle origini della povertà cristiana.
Di stile gotico veneziano con innesti rinascimentali, dove nel 1954 è stato sepolto il Tintoretto; la chiesa sorgeva in una zona di mercanti e commercianti, molto devoti e dediti alle donazioni, per cui nel giro di poco tempo la chiesa e i suoi frati accumularono ricchezze e potere. Inoltre in un primo momento la chiesa venne intitolata a San Cristoforo, ma un bel dì i frati decisero di portare all’interno dell’edificio una statua della Madonna particolarmente amata dai Veneziani, che era posta in un orto lì vicino. Da allora la Chiesa prese il nome di Madonna dell’Orto e del povero San Cristoforo rimane solo una statua all’ingresso.

La Basilica del Santissimo Redentore, completata nel 1592, poiché nel 1577 il Senato commissionò ad Andrea Palladio la costruzione dell’edificio: il grande architetto diede così vita ad una delle sue massime espressioni di architettura religiosa. 
La chiesa in passato assunse un simbolo di rinascita, dopo la pestilenza del 1576 quando il morbo fece migliaia di vittime tra cui il pittore Tiziano.
All’interno potrete ammirare le tre absidi comunicanti con la cupola centrale, le pale con la storia di Gesù, la Madonna con Bambino, e sul retro i due campanili conici, che ricordano da vicino dei minareti. 

Chiesa di San Zaccaria, vicino al palazzo Ducale e a Piazza San Marco, nel Sestiere di Castello è una delle chiese più antiche della città e anche una delle più particolari, risalendo al IX secolo, deve l’attuale aspetto rinascimentale, ai lavori che furono completati nel 1515.
Di interessante originalità, all’interno della Chiesa è anche il deambulatorio, il corridoio che circonda l’altare maggiore: è caratteristico delle chiese nordeuropee ed è uno dei rari esempi presenti nelle chiese veneziane.

Certificate of Excellence

2015

131 review
Expedia Insider’s Select

2015

4.70
/5
298 review
Booking.com

2015

9.10
/10
113 review
Albergo veramente spettacolare ed accogliente, pulitissimo. Personale gentilissimo
9,5
/10
Manuel Rosati, Italy, 20/11/2013

Book Online